ambiente

Il Fermano che non ti aspetti, personaggi e bellezze del territorio

La consapevolezza dei danni sociali ed economici che la pandemia Covid 19 ha portato nei nostri territori, già duramente colpiti dal sisma, si è tradotta nella volontà di dare evidenza alla grande ricchezza del patrimonio storico, culturale e naturalistico dell’intero comparto territoriale, spesso poco conosciuto o minimamente posto in evidenza, attraverso la creazione di un supporto informativo (video, opuscoli, cartoline web, applicazioni web, social network, ecc) da divulgare nei siti internet dei comuni, delle Provincie e delle Regioni, oltre alle associazioni turistiche e Pro Loco.
Descrizione sintetica :

Tre Rotary Club del Fermano (Alto Fermano Sibillini, Fermo e Montegranaro) hanno accolto con entusiasmo il progetto denominato “Oltre il Covid” che il Distretto 2090 ha proposto e incentivato in questo secondo semestre dell’anno rotariano 2020/2021.
La consapevolezza dei danni sociali ed economici che la pandemia Covid 19 ha portato nei nostri territori, già duramente colpiti dal sisma, si è tradotta nella volontà di dare evidenza alla grande ricchezza del patrimonio storico, culturale e naturalistico dell’intero comparto territoriale, spesso poco conosciuto o minimamente posto in evidenza, attraverso la creazione di un supporto informativo (video, opuscoli, cartoline web, applicazioni web, social network, ecc) da divulgare nei siti internet dei comuni, delle Provincie e delle Regioni, oltre alle associazioni turistiche e Pro Loco.
Nella fase iniziale la struttura del materiale informativo sarà incentrata sulla valorizzazione del patrimonio storico artistico e di quelle eccellenze legate all’artigianalità, alla manifattura e alle specialità culinarie del territorio.
Il payoff che vorremmo dare al progetto è “Il Fermano che non ti aspetti, personaggi e bellezze del territorio”, attraverso la scoperta delle attività produttive e dei personaggi che esprimono le eccellenze, frutto della nostra tradizione, molto spesso non valorizzata o addirittura abbandonata, legata ad attività artistiche ad alto contenuto professionale.
Ciascun club provvede ad individuare siti di interesse che ricadono nel proprio territorio.
Intenzione dei club è quella di creare i presupposti per proseguire il progetto anche negli anni futuri, ampliando i siti e le attività artistiche ne produttive di interesse.

Obiettivi :

• Lo scopo del progetto è quello di promuovere il nostro territorio, colpito dalla pandemia, e dare un piccolo contributo al rilancio dell’economia turistico-culturale dell’area fermana che si estende dai monti Sibillini al mare Adriatico, attraverso la creazione di un supporto informativo (video, opuscoli, cartoline web, applicazioni web) in collaborazione con gli enti preposti come Marca Fermana, Emozione Italia, oltre a quelli già citati nella descrizione sintetica.
• Dare un piccolo ma efficace segnale di “ripartenza”, che potrà essere di stimolo per l’intero territorio, nell’ottica più generale di innescare delle positive sinergie fra tutte le forze presenti, che rappresentano la più importante e profonda ricchezza del territorio stesso.
• Condivisione di progetti comuni ai club fermani con l’obiettivo di favorire la vicinanza e l’amicizia tra i soci
Obiettivi :

• Lo scopo del progetto è quello di promuovere il nostro territorio, colpito dalla pandemia, e dare un piccolo contributo al rilancio dell’economia turistico-culturale dell’area fermana che si estende dai monti Sibillini al mare Adriatico, attraverso la creazione di un supporto informativo (video, opuscoli, cartoline web, applicazioni web) in collaborazione con gli enti preposti come Marca Fermana, Emozione Italia, oltre a quelli già citati nella descrizione sintetica.
• Dare un piccolo ma efficace segnale di “ripartenza”, che potrà essere di stimolo per l’intero territorio, nell’ottica più generale di innescare delle positive sinergie fra tutte le forze presenti, che rappresentano la più importante e profonda ricchezza del territorio stesso.
• Condivisione di progetti comuni ai club fermani con l’obiettivo di favorire la vicinanza e l’amicizia tra i soci

Marche interne

Turismo di prossimità nell'entroterra Alto-Marchigiano

Turismo di prossimità nell’entroterra alto-marchigiano
Progetto redatto dai Rotary Club di Altavallesina Grottefrasassi, Fabriano, Urbino
Le limitazione derivanti dalla pandemia hanno fortemente condizionato le modalità di offerta e domanda turistica. Lo scorso anno si è vissuta una timida ripresa turistica che ha favorito prevalentemente un’utenza nazionale, molto scarsa invece quella proveniente dall’estero. Questa esperienza ci pone di fronte, anche per il 2021, ad una prospettiva futura basata sul turismo di prossimità, soprattutto di italiani e di famiglie che cercano mete facilmente raggiungibili, dove vivere esperienze di qualità e immergersi nella cultura e nelle tradizioni locali. Questo è un trend che potrebbe durare ancora qualche anno ma ci permetterebbe di consolidare l’esperienza positiva dell’estate 2020 che ha visto i piccoli centri protagonisti della ripresa post covid. Dobbiamo tenere conto anche della più recente tendenza del turismo di precisione, che pone grande attenzione alla scelta della meta e nell’organizzazione del viaggio. Sarà importante progettare in ogni dettaglio la vacanza, soddisfando l’esigenza di avere il controllo della situazione in ogni circostanza. Lo smartphone sarà il mezzo più utile per organizzare l’esperienza di viaggio, usufruendo di servizi digitali che permetteranno di ridurre il contatto interpersonale, per rispettare al meglio le misure di sicurezza.
In questo contesto i Rotary Club possono diventare promotore di un turismo delle piccole cose affiancando le amministrazioni locali nelle attività di promozione del territorio.
I Rotary si propongono di “Accompagnare”, partendo dai turisti rotariani, visitatori in cerca di un itinerario di viaggio inedito ed esclusivo. Il progetto deve rappresentare l’opportunità di visita nell’ambito di un territorio che ha come cardini Urbino, Fabriano, Altavallesina, Grotte ma che ingloba tutta una serie di luoghi intermedi che possono essere occasione di scoperta di parte delle Marche. In questo senso i Rotary Club mettono insieme le proprie competenza, le proprie conoscenze e i service operati sui rispettivi territori per tracciare un itinerario turistico che segni come tappe “imperdibili” i luoghi, i monumenti, gli eventi dove i Rotary Club sono intervenuti con i propri service.
L’itinerario, come detto deve essere l’occasione per visitare altri centri, compresi nell’area definita dai club proponenti, spesso esclusi dagli itinerari turistici più noti e che custodiscono un patrimonio sorprendente e che merita di essere conosciuto.
Un itinerario attraente si completa con il racconto delle tipicità enogastronomiche, la loro storia e i luoghi di produzione. Antiche tradizioni, antichi mestieri che sono parte indispensabile dell’identità dei luoghi.
I Rotary Club si rendono ad essere punti di accoglienza e guide per i visitatori
Concretamente si propone di realizzare una guida tascabile che abbia questi contenuti
- Una mappa di insieme del territorio con l’individuazione di Urbino, Fabriano, Altavallesina/Grotte Frasassi e la rete dei percorsi consigliati e l’individuazione delle tappe intermedie
- La mappa delle città con l’indicazione dei luoghi toccati dal Rotary
- Brevi testi descrittivi con foto e con riferimenti per svolgere agevolmente le visite
- Informazioni principali riferite a uffici turistici locali, guide, siti web, orari, prezzi, numeri di telefono, eventi ecc.
- Informazioni generali dei club rotary coinvolti per avere sempre la disponibilità dei club per i soci visitatori

Ponte dei 2 Parchi

In considerazione delle peculiarità paesaggistiche ed ambientali del sito e della necessità di ripristinare l’attraversamento, si propone di realizzare una struttura in legno lamellare certificato costituita da travi longitudinali irrigidite con traversi

FREEDOG

Service per la realizzazione di un'area cani e di una bacheca online per aiutare i nostri amici a quattro zampe a trovare una casa.

L'ANIMALE: UN AMICO PER LA VITA

Uno dei progetti principali di questo anno sarà la realizzazione di un’area socio relazionale canina.
Il progetto si svilupperà in collaborazione con il comune di Atessa e l’associazione Anta Onlus sezione di Atessa. Associazione che persegue la tutela e la valorizzazione dell’ambiente e della natura per una corretta convivenza tra le specie nonché la solidarietà sociale.
La finalità del progetto è che a seguito del recupero gli animali vengono curati e vaccinati e nel giro di 30 giorni di permanenza nella struttura vengono affidati in adozione in forma gratuita a famiglie o persone che sono rimaste sole e che hanno bisogno di compagnia, dando un forte contributo sociale prevalentemente verso gli anziani.
Successivamente l’obiettivo è quello di attivare la Pet therapy, dove uomo e animale si ritrovano per stare bene insieme, nonché eventi cinofili, corsi per istruttori cinofili e la formazione per cani da soccorso.

PROGETTARE CON LA PLASTICA

CONTEST di progettazione

Concorso di idee e di progettazione finalizzata all'utilizzo di plastica riciclata. Il Contest è aperto a professionisti e studenti (facoltà di Architettura, Ingegneria e Design), che concorreranno in categorie distinte.

Le Magnifiche Terre di Centro

Una rete di 11 Comuni del cratere del terremoto 2016 che si organizzano per promuovere i loro territori, uniti da un patrimonio culturale, sociale e naturalistico unico al mondo.
Si chiama “ Le magnifiche terre di centro “ il progetto nato da una vasta mobilitazione di enti locali ed associazioni. L'iniziativa promossa dall'associazione Laga Insieme, sostenuta dal nostro club, abbraccia Lazio, Abruzzo, Umbria e Marche, con i Comuni di Capitignano, Montereale, Campotosto, Amatrice, Accumoli, Cittareale, Norcia, Arquata del Tronto, Montegallo, Montemonaco e Montefortino.

Risparmio idrico domestico

L'acqua pubblica mi sta a cuore

il progetto è rivolto alle classi 4° delle scuole elementari e prevede una partecipazione attiva degli alunni e dei professori. E' articolato in quattro fasi:
1) lezione di informazione sulle buone prassi da seguire per il risparmio dell'acqua negli usi domestici e familiari, tenuta da un socio rotariano e da un esperto ambientale
2) concorso di disegni sul tema dell'acqua e dell'ambiente, come elementi vitali per tutta l'umanità con premiazione dei migliori elaborati
3) visita guidata a una centrale di approvvigionamento idrico cittadino o altro impianto di fornitura dell'acqua
4) consegna di borracce in alluminio riciclato in sostituzione della bottiglia di plastica

Il Tronto: un fiume, una valle, una vita

Da Amatrice a San Benedetto del Tronto

A tutto campo da Amatrice a San Benedetto del Tronto:
Dalla neve al mare, dal freddo al caldo. Dagli scarponi agli infradito.
Dai camosci, dai cervi e dai caprioli ai gamberi, alle orate e ai polpi
Dall’agricoltura alla manifattura, dagli allevamenti ai prodotti dolciari e farmaceutici.
Da un turismo quasi solo estivo sulle montagne ad un turismo tutto l’anno per Ascoli Piceno ed i comuni marini.
Dai terremoti che hanno distrutto i centri dell’Alta Valle del Tronto all’accoglienza a tutto campo dei comuni della Bassa Valle del Tronto.
Una vita tante vite unite dal Fiume

RCAT

Rotary Climate Action Team

Il network Rotary Climate Action Team (RCAT) Network nasce dalla partnership tra il Club di Assisi e quello di San Francisco, gemellati dal 26 settembre 2019, e si propone di creare e diffondere spunti e buone prassi tra la popolazione mondiale attraverso la produzione e la diffusione materiali semplici per supportare l'educazione al cambiamento climatico, con particolare riferimento al ruolo che ogni individuo, azienda, gruppo e governo può giocare
Il protocollo prevede 4 fasi:
1. Istituire e pubblicizzare il network RCAT, chef si farà carico di ideare e produrre materiale educativo e di istituire momenti di formazione ai rotariani di tutto il mondo, partendo dagli USA.
2. Adesione da parte di Club da tutto il mondo, a partire da quelli locali ed estendendo a quelli gemellati, al programma RCAT, con impegno e ricadute diretti sul proprio territorio. La condivisione del progetto avverrà attraverso piattaforme online in modo veloce ed efficace. Ogni Club formato condividerà la formazione ricevuta e le buone prassi realizzate con la rete RCAT, nella sua comunità (pubblico interesse), nel proprio Distretto e nella propria Zona Rotary. Il network RCAT presuppone l'adozione, da parte dei singoli rotariani e delle aziende ad essi connesse, di protocolli migliorativi per la salute del pianeta, con un impegno individuale di leadership in linea con gli standard che il Rotary esige da ogni membro. Ogni Club del network si farà carico di promuovere annualmente un progetto coerente alle finalità del RCAT, per promuovere un'ottica di azione.

Subscribe to this RSS feed